KUSTOM ROAD 2017
by SS33 Sempione

Busto Arsizio - Malpensa Fiere (VA), 17-19 marzo 2017

Anche quest’anno non abbiamo voluto mancare al Kustom Road, appuntamento che da diversi anni è per noi diventato un appuntamento fisso per incontrare amici e addetti ai lavori.
La bella giornata ha fatto si che sono state moltissime le moto che hanno varcato i cancelli di Malpensa Fiera. Tre i padiglioni impegnati, quello riservato al merchandising, quello dei customizer, in cui anche quest’anno è andata in scena una tappa dell’Italian Motorcycles Championship organizzato dalla rivista Bikers Life ed infine il padiglione occupati dalle auto, un po’ di tutti i tipi, vintage, USA, club Ferrari e da corsa.
La rassegna si apre di venerdì con un concerto con la band che segue Vasco Rossi nei suoi tour, Claudio Golinelli e company aprono le danze del Kustom Road versione musicale.
Buono l’afflusso del sabato, come già detto la bella giornata ha favorito l’arrivo di molti bikers, bello il colpo d’occhio davanti l’ingresso del centro fiera. Un plauso ai ragazzi del SS33 Sempione che anche quest’anno non hanno perso di vista l’aspetto solidale, il ricavato infatti è stato devoluto a tre strutture della zona: il reparto Pediatria dell’Ospedale di Busto Arsizio e due onlus, Piccolo Principe e Stelle di Lorenzo, che operano nell’interland di Busto.
Come sempre variegato il programma degli spettacoli in esterna che vede impegnati qualsiasi mezzo a motore, dai ciclomotori ai truck. Sotto l’ampia tensostruttura del centro Fiera si esibiscono 46 scuole di ballo country & western, camperos e cappelli dalle larghe tese ci portano nell’atmosfera di “Mezzogiorno di fuoco”, le tavole di legno sul pavimento amplificano il rumore degli stivali dei ballerini.
Niente da dire abbiamo trovato una bella atmosfera al Kustom Road, una crew affiatata coadiuva Raffaele nell’organizzazione ed è stato veramente piacevole passare una giornata in fiera. Positivo quindi il nostro bilancio, torneremo di sicuro anche l’anno prossimo a trovare i ragazzi del SS33 Sempione.

Testo e foto: Corrado



^