21º RIDE WITH PRIDE
by Lowlanders MC

Rivergaro (PC), 10-11 giugno 2017

Il Ride With Pride può considerarsi uno degli storici motoraduni italiani giunto quest’anno alla ventunesima edizione, quindi più che un’ottima ragione quella di caricare armi… la reflex e bagagli e puntare le forcelle verso quel di Rivergaro.
E’ un torrido pomeriggio d’inizio giugno, il termometro sul bat della mia moto è a fondo scala, ma non fa nulla l’importante è fare strada, solo questo è quello che conta in fondo dopo una settimana difficile di lavoro.
Rivergaro è a una ventina di chilometri dopo Piacenza, imboccando la statale che porta a Bobbio, nella Val Trebbia, luogo un tempo assiduamente frequentato dai motociclisti di ogni genere, oggi zona rossa per quanto riguarda i controlli delle forze dell’ordine. L’area del motoraduno è una piccola oasi nel verde sulle rive del fiume Trebbia. I ragazzi dei Lowlanders MC Piacenza ci accolgono con disponibilità e calore. E’ ancora presto e non c’è moltissima gente, il caldo non invita certo a mettersi in moto sotto questo sole, anche il programma subisce qualche variazione.
Quando la temperatura si fa, più mite ci pensano due ragazze a riportarla a valori più hot con un sexy bike wash che il pubblico pare apprezzare. Intanto gli arrivi si fanno corposi, diversi chapter dei Lowlanders si ricongiungono ai “fratelli” presenti, tra i quali spiccano quelli arrivati dall’estero, precisamente da Bulgaria e Macedonia.
Sul palco viene ultimato il ceck e si comincia con l’esibizione di una pole dancer, bello il suo spettacolo, aggraziato e con molto stile. E’ poi la volta di una band tutta al femminile, le Slut Machine, basso, chitarra e batteria, il genere è alt metal con dei brani di loro composizione. A chiudere la serata gli U-TURN una bikers-band francese che propone del classico hard rock con parecchie cover tra cui alcuni brani degli Ac-Dc.
Va in archivio anche questo 21° Ride With Pride dei Lowlanders MC Piacenza, un motoraduno vecchio stile, un’occasione per incontrarsi e passare qualche ora in compagnia, in sella alle nostre moto, del sano rock duro, sta tutto qui il successo, nelle cose semplici e più vere.

Testo e foto: Corrado



^