SPORTSTER MEETING 2017

Taceno (LC), 24 giugno 2017

Nato qualche anno fa dalla mente di Paolo Ghiringhelli era un run che radunava un nutrito manipolo di amanti della small block di Milwaukee, ben presto i numeri diventano importanti e da raduno dinamico si è passati, da un paio di anni, a un evento di natura statica.
La location in cui si svolge l’evento è il birrificio artigianale Tartavalle a Taceno, sulle montagne che sovrastano il lago di Lecco, bella la strada per arrivarci così come molto azzeccato il posto scelto per il raduno.
L’approccio all’arrivo non è stato certo dei migliori, non avendo uno Sporty, mi è stato indicato senza mezzi termini, dove potevo parcheggiare la mia Ultra, un parcheggio scosceso pieno di sassi ed erbacce, per una volta il mio orgoglio-biker ha provato il disonore che abitualmente subisce in silenzio chi si presenta ad un motoraduno in scoter... scherzo ovviamente... la regola vuole che qui possano entrare solo gli Sportster e quindi altra “robaccia” non entra, deve rimanere fuori, ed è giusto così, anzi i ragazzi dell’organizzazione hanno pensato bene di srotolare un tappeto rosso con tanto di fondale dedicato e scattare una foto ricordo a tutti, ma proprio tutti i possessori di Sportster che arrivano all’ingresso. Un’idea davvero simpatica che rende tutti protagonisti della festa.
Il colpo d’occhio è davvero spettacolare, saranno tre-quattrocento sporty, vi assicuro che tutte insieme in una sola volta non le avevo mai viste. Non ce n’è un’uguale a un’altra, ognuna ha qualcosa di particolare che la rende unica.
Si vede subito che Paolo e il suo Staff hanno fatto le cose per bene e il clima molto informale mette subito tutti a proprio agio. Un ampio prato verde accoglie le moto dei vari customizer e officine specializzate che hanno raccolto l’invito, citarle tutte saranno un’impresa, ma ci provo: Rebuffini con una scrambler molto cazzuta, Gallery Motorcycles, Custom Attack, Emanuele Paci, Rivolta Motociclette, Emporium con la pluripremiata Scoter, Bad Boys, Matteo “Fusto” della neonata Hazard, Chopworks e mi scuso con quelli che ho sicuramente dimenticato.
Buona anche la presenza di stand quali Zodiac, Drag Specialist, Red Thunder, Eagle Rider, Noline e Harley-Davidson Monza. Rispetto all’anno scorso mi dicono che è migliorato anche il servizio di ristorazione.
Nel primo pomeriggio si è svolto il bike show che prendeva in esame solo le moto dei non-professionisti, una giuria tecnica ha selezionato le moto nel parcheggio e ha deciso di premiarne una mezza dozzina, che per la gioia dei proprietari si aggiudicavano dei premi offerti dai partner dell’evento.
Un premio speciale se lo è aggiudicato anche una coppia di amici che in sella al proprio Sporty è salita da Roma in quel di Taceno, un bel viaggetto non c’è che dire.
Direi che se gli esami non finiscono mai, quelli di Paolo Ghirighelli del Due Cilindri Blog e i suoi ragazzi sono stati superati brillantemente e con il bacio accademico.

Testo e foto: Corrado



^